giovedì 22 settembre 2011

Questa mattina ho letto il seguente articolo:http://archaeolife.blogspot.com/2011/09/archeological-sites-in-ancient-city-of.html

Si potrebbe pensare che il degrado e le razzie al sito siano la conseguenza della situazione politica in Siria. In realtà non è così. Già lo scorso anno la situazione era critica. Il sito invaso dalle erbacce, mancanza di pannelli esplicativi, solo un timido cartello che indicava le terme. La vera chicca erano le pecore che pascolavano sulla via colonnata.




Il sito era abbondantemente trascurato anche se continuano gli scavi. Non sono riuscita a capire le motivazioni di tale degrado anche perchè, tra tutti i siti visitati in Siria, Apamea era l'unico veramente lasciato a se stesso, tanto da deludere le aspettative dei visitatori. Infatti leggendo le guide archeologiche, da Apamea trapela un fascino unico che non si riscontra nella realtà.
 Resta comunque una delle città più importanti dell'antica storia della Siria e meriterebbe più cura e attenzioni.



Foto: Clara Annarita Giannitrapani.

sabato 3 settembre 2011



La notizia è di pochi giorni fa: grazie alle nuove tecnologie, è stato localizzato con esattezza il famoso edificio di culto voluto dall'imperatore Adriano (117-138 d.C.) per celebrare i suoi genitori adottivi, divinizzati dopo la loro morte.

La notizia riportata da AdnKronos è ad annunciata dalla rivista " Archeologi Viva" della Giunti editore.


Per i dettagli leggete il seguente link: http://www.adnkronos.com/IGN/News/Cultura/Identificato-per-la-prima-volta-a-Roma-il-Tempio-di-Traiano-e-di-Plotina_312406811941.html.